La Provençe e Altre Storie di Amicizie Improvvisate

Daniela Delli

Non mi metterò il cappello da Travel Blogger per raccontarvi della mia avventura nel Sud della Francia.
Non lo farò perché, a differenza di un bravo Travel Blogger, risulto decisamente disorganizzata quando si tratta di organizzare un viaggio.

Innanzitutto l’idea di andare in Francia mi è venuta circa tre settimane fa. Così. Senza troppi pensieri.

Sapevo di avere qualche giorno libero a fine Settembre e così ho pensato di farmi un viaggetto.

Avignone

Avignone

L’idea iniziale era di passare un weekend lungo a Marsiglia.

Ma questa città si fa davvero desiderare! I treni hanno percorrenze lunghissime e se si prende l’aereo bisogna addirittura fare scalo!

La Camargue

La Camargue

Una mia amica originaria di Marsiglia mi ha consigliato di andarci in macchina e così mi sono fatta solleticare dall’idea di un viaggio on the road.

A due giorni dalla partenza ufficiale mi sono ricordata della mia imminente avventura francese e così nei ritagli di tempo ho iniziato a spulciare qualche blog di viaggio.

Dopo dieci minuti passati a navigare su Internet ho capito che il mio weekend a Marsiglia si sarebbe trasformato in una settimana in Provenza.

Sul cellulare mi sono segnata (letteralmente) tre tappe da visitare. Un pò pochine, ma io a cercare e googlare e whatsappare mi stufo.

Les Baux de Provençe

Les Baux de Provençe

 

Preferisco affidarmi all’istinto. Che, il più delle volte, ahimé, fa cilecca. Ma molte altre mi regala incontri davvero insperati con angeli custodi travestiti da pasticceri.

Come quando, arrivata (o meglio, arrivati) a Briançon, prima tappa ufficiale del tour, mi sono fermata in un caffé minuscolo rapita dalle sue vetrine ricolme di tortini e cioccolatini e pasticcini.

Une Verre de Rouge à Briançon

Une Verre de Rouge à Briançon

Dopo aver ordinato, e poi finito, té caldo e torta al cioccolato mi sono alzata per andare a sbirciare più da vicino il bancone dei dolci.

Mi sono così ritrovata di fronte un simpaticissimo signore torinese, proprietario del caffé da circa 30 anni, con cui ho iniziato a disquisire amabilmente dei seguenti topic:

  • le mie origini
  • la mia infanzia bergamasca
  • la sua infanzia torinese
  • la sua passione per il cioccolato
  • la mia ossessione per il cioccolato
  • i suoi anni come maitre chocolatier a Parigi
  • i miei mesi come anima in pena a Parigi
  • il suo amore per la Provenza
  • il mio viaggio in Provenza (senza arte né parte)
Aigues-Mortes

Aigues-Mortes

Dopo aver scoperto che il Sig. Giovanni ha lo stesso nome di mio padre e che io ho la stessa età di sua figlia, abbiamo raggiunto la mia dolce metà (che attendeva da mezz’ora) al tavolo con carta e penna.

Dopo un’ora avevamo tra le mani una preziosissima mappa della Provenza con un dedalo di percorsi che, mano sul cuore, abbiamo seguito con cura certosina.

La Mappa del Sig. Giovanni

Arles - La Ville de Van Gogh

Arles – La Ville de Van Gogh

A parte i giorni meravigliosi trascorsi tra la Provenza e la Camargue, la libidine nell’addentare quiches e formaggio di capra a qualsiasi ora del giorno, l’emozione di vagare per villaggi incantati che Signore degli Anelli te devi levà, la meraviglia di ritornare a parlare francese sentendomi un pò la Juliette Binoche de noantri.. beh, l’incontro col Sig. Giovanni è quello che mi strappa ogni volta un sorriso inaspettato e che custodisco con maggior cura quando ripenso ai miei giorni francesi.

Les Baux de Provençe

Les Baux de Provençe

La curiosità di conoscere pezzi di vita altrui, l’entusiasmo nel raccontare un pò della sua, di vita.

La frenesia nel tracciare una mappa anche solo per poter condividere con due emeriti sconosciuti un pò della bellezza goduta anni orsono dai suoi occhi.

Arles - La Ville de Van Gogh

Arles – La Ville de Van Gogh

Ecco, se avete in programma un viaggio on the road per la Provenza il mio consiglio è: lasciate a casa la vostra Lonely Planet, passate da Briançon alla Patisseriè Turin, ordinate una bella fetta di torta al cioccolato e chiedete del Sig. Giovanni.

E buon viaggio!

PS: per altre foto e un racconto fuori dall’ordinario cliccate qui sotto la mia storia su Steller!