Alla Scoperta di Milano Attraverso Le Parole

Daniela Delli

E sempre in tema di Milano, e di conseguenza, di EXPO, non so voi, ma ultimamente sono sommersa di richieste da parte amici, parenti, ex compagni di scuola e così via che non abitano nel capoluogo lombardo, riguardo a dritte, tips, suggerimenti su ristoranti, posti segreti, negozi vintage da vedere e/o visitare in città.

Persone che non sentivo da mesi, se non addirittura da anni, che mi scrivono su Facebook o che mi mandano email annunciandomi il loro arrivo nella città meneghina in occasione dell’EXPO e che hanno in programma di passare 2 o 3 giorni visitando sì i padiglioni di Rho-Fiera ma che vogliono anche sfruttare l’occasione per fare un giro in città.

E’ opinione generale, anche tra i suddetti amici e parenti, che “Milano fa schifo”. Semplicemente.

Milano non è un museo a cielo aperto come Roma, Milano non ha i romantici canali di Venezia (ma vogliamo parlare della nuova Darsena??), Milano non è bohémienne come Firenze, a Milano non si mangia bene come a Napoli.

SBAGLIATO.

Milano è stupenda, una piccola perla inesplorata e incompresa.

In questi ultimi anni non so quanto mi sarò sgolata per tessere lodi su questa meravigliosa città che anche io, quando non la conoscevo, etichettavo come grigia e triste e brutta e poi mammamia i milanesi, così seriosi e taciturni e scontrosi.

Milano è romantica, ricca di storia, una città in movimento, piena di energia.. Milano è il porto sicuro degli italiani.

A Milano si viene per scappare dal piattume e dall’inconcludenza di certi paeselli e città italiane, e per ricominciare una nuova vita. Fatta di stradine storiche, di monumenti maestosi, di osterie centenarie, di seratine a base di jazz.

Ho deciso che il mio approccio a chi d’ora in poi mi chiederà dritte e informazioni su Milano non sarà più quella di difendere le bellezze della città in cui vivo, ma piuttosto di consigliare delle letture che hanno catturato veramente la quintessenza della città della Madunina.

Delle guide alternative a quelle rigorosissime del National Geographic, più vere e genuine, perchè scritte da chi Milano la ama veramente.

Ecco qui le mie TOP 3.


>>> Se vuoi scoprire Milano attraverso gli occhi curiosi di chi Milano la vive e la ama tutti i giorni

MILANO SECRETS – Baldini & Castoldi

Scritto a due mani da Sibilla Milani e Emanuela Roncari racchiude i posti più belli e caratteristici della città meneghina.

Frutto di anni e anni di uscite, passeggiate, scorribande tra amiche, le due autrici suggeriscono i loro posti del cuore, senza annoiare mai con una scrittura fluida e divertente.

Oltre al libro consiglio anche di tenere costantemente monitorato anche il loro omonimo blog, il mio vademecum personale per quando voglio fare e vedere qualcosa di nuovo in città


>>> Se vuoi visitare Milano senza sacrificare il tuo conto in banca

MILANO LOW COST – EXPO EDITION – Rizzoli

Scritto da Bruna Gherner, creatrice del blog Survive Milano, questo libro ha il pregio di dare voce a quella Milano giocosa e popolare che pochi conoscono.

Con questa vera e propria guida di sopravvivenza cittadina, Bruna ci fa scoprire (si, ci metto anche noi abitanti di Milano) luoghi e atmosfere sorprendenti per la capitale italiana di moda e design.

Vecchie osterie, streetfood tipicamente milanesi, musei gratuti, negozi vintage.

Ideale per giovani e famiglie numerose che a Milano non vogliono lasciarci tutto lo stipendio.


>>> Se vuoi conoscere Milano passeggiando e perdendoti nei suoi mille quartieri

KEEP CALM E PASSEGGIA PER MILANO – Newton Compton 

Questo libro fresco e moderno scritto dalla giornalista Francesca Cassani, ha il pregio di scandagliare Milano da cima a fondo. Francesca propone delle vere e proprie visite itineranti tutte da fare a piedi.

Si spazia dalle classiche passeggiate per Brera o nel centro storico, fino ad arrivare a quartieri più popolari ma non per questo meno meritevoli di una visita.

Una Milano a misura d’uomo che vi sorprenderà ad ogni “svolta”.